Crédit Agricole Italia, Fondazione Cariparma e Fondazione di Piacenza e Vigevano ancora insieme per arginare l’emergenza Coronavirus

Acquistate altre 10 macchine per la ventilazione assistita da destinare agli Ospedali di Parma e Piacenza.

Home/Comunicati Stampa/Crédit Agricole Italia, Fondazione Cariparma e Fondazione di Piacenza e Vigevano ancora insieme per arginare l’emergenza Coronavirus

A seguito dell’inasprimento dell’emergenza Coronavirus, Crédit Agricole Italia, Fondazione Cariparma e Fondazione di Piacenza e Vigevano hanno deciso di acquistare altre 10 macchine per la respirazione assistita per gli Ospedali di Parma e Piacenza, che si vanno così ad aggiungere alle 25 acquistate recentemente. Sono dunque in totale 20 i ventilatori polmonari destinati all’Ospedale di Parma e 15 all’Ospedale e alle autoambulanze di Piacenza.

L’operazione è stata possibile grazie al forte radicamento territoriale della Banca, che è riuscita ad acquistare la strumentazione insieme alle Fondazioni direttamente dall’azienda cliente Logisan di Tavarnuzze (FI) – centrale di acquisto per cliniche private e ospedali su tutto il territorio nazionale, del gruppo Nardi Schultze.

Crédit Agricole Italia sta mettendo in campo iniziative analoghe anche in Lombardia, Liguria, Toscana oltre che in tutta l’Emilia-Romagna al fine di rispondere in maniera veloce ed efficace ad uno dei problemi maggiormente critici di questo momento: la carenza di macchinari nelle strutture ospedaliere.

Si ricorda che Fondazione Cariparma ha inoltre recentemente stanziato un fondo straordinario di un milione di euro per l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma (per l’Ospedale Maggiore) e l’Azienda USL (per gli Ospedali di Vaio e Borgotaro). Un intervento a cui si è aggiunto il sostegno al Fondo Supporto Emergenza Coronavirus lanciato dalla Fondazione Munus sul portale di crowdfunding CrowdForLife del gruppo Crédit Agricole Italia.

A Piacenza, invece, la Fondazione di Piacenza e Vigevano ha stanziato mezzo milione di euro per affrontare lo stato di emergenza legato alla diffusione del Covid 19 e per aumentare la liquidità dell’Ausl di Piacenza. Una parte consistente di tale somma riguarda l’acquisto di mascherine chirurgiche e protettive, in particolare della tipologia FFP2, che ha grande capacità di filtraggio e che, per questo, è raccomandata dall’organizzazione mondiale della sanità.

24 Marzo 2020|
Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più, accedi alla nostra Privacy Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Ok