Piattaforma videoconferenze per le scuole secondarie

Un progetto all’avanguardia sul piano didattico e formativo. Coinvolte tutte le scuole secondarie di II grado di Parma e provincia.

 
 
 

Con l’obiettivo di avvicinare sempre più il mondo della scuola alle nuove tecnologie, è giunto a piena realizzazione il progetto “videoconferenze”, attivato dall’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna/Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma con il sostegno della Fondazione Cariparma.

 

            Tale importante iniziativa è nata per offrire alle scuole secondarie di II grado di Parma e provincia un sistema di videoconferenza senza costi e licenze di utilizzo, con la possibilità di una gestione semplice, intuitiva e indipendente.

 

            Il progetto, iniziato nel 2007, vede ormai la quasi totalità degli istituti dotati di una stazione di videoconferenza, installata e funzionante; con tale apparecchiatura è possibile:

 

1.     Attivare una videoconferenza configurando i parametri in relazione alla sua tipologia;

2.     Invitare qualunque attore si desideri a entrare nel circuito della videoconferenza. Unica ovvia condizione è la disponibilità di una linea ADSL;

3.     Gestire la videoconferenza in diretta (servizi video, audio, dati, inviti, regia, banda, ecc.);

4.     Condividere file con ogni partecipante alla videoconferenza;

5.     Registrare la videoconferenza al fine di offrire la possibilità di rivederla in streaming online.

 

Le possibili e concrete ricadute sull’attività quotidiana di ciascuna scuola sono molteplici, quali la formazione personale amministrativo (docente e ATA), riunioni e conferenze (con abbattimento dei costi per spostamenti e pernottamenti), partecipazione degli alunni in malattia alle lezioni (pc con webcam e microfono in aula), videoregistrazione di lezioni tenute dai docenti e pubblicazione di queste online.

 

Ciò che distingue tale progetto di videoconferenza è rappresentato essenzialmente da tre fattori: economicità, fruizione intuitiva e autonomia delle scuole nel suo utilizzo.

 

È importante sottolineare che il sistema non grava finanziariamente sulle scuole, fatta eccezione per l’affitto di una linea HDSL sul server il cui costo, frazionato tra i vari istituti, si riduce per ciascuno a pochi euro.  La gestione pratica del sistema può essere affidata anche a personale non esperto. Ogni scuola è libera di aprire stanze come sedi di videoconferenza invitando i relatori che desidera.

 

 
 

Condividi su...

Proprietà dell'articolo
creato: giovedì 1 dicembre 2011
modificato: giovedì 1 dicembre 2011