Ricerca: accordo tra Università di Parma e Fondazione Cariparma

Progetti e iniziative in ambito scientifico e umanistico.

 

 

Università di Parma e Fondazione Cariparma insieme per la ricerca: un accordo di notevole rilievo, non solo per la cifra complessiva d’investimento ma anche per l’idea che ne sta alla base: il sostegno a un’attività strategica per l’Ateneo com’è quella di ricerca

 

Nello specifico l’intesa va a supporto di un programma per l’incremento della competitività di tutte le aree di ricerca dell’Ateneo, con un investimento iniziale complessivo di un milione di euro: 400mila euro stanziati dall’Università di Parma e 600mila euro dalla Fondazione Cariparma.

 

L’accordo, di durata triennale, è finalizzato al sostegno di progetti di docenti e ricercatori, con attenzione all’innovatività e all’alto livello qualitativo: la selezione sarà a cura della Commissione Ricerca di Ateneo. Essenzialmente tre le tipologie su cui l’intesa si concentra:

 

  • Consolidamento o scouting

Finanziamenti riservati a docenti e ricercatori senior al fine di sostenere ricerche già affermate o di lanciare ricerche a forte contenuto innovativo e potenzialmente di grande impatto.

 

  • Progetti di giovani ricercatori

Finanziamenti riservati a ricercatori a tempo determinato di età inferiore a 40 anni che propongono    idee innovative implementabili in un breve periodo.

 

  • Parziale implementazione di Progetti ERC che non hanno superato l'ultima soglia di valutazione

Azione che mira a premiare i docenti che si sono misurati nel mondo dei competitivi bandi ERC (European Research Council) e, pur non essendo risultati vincitori, hanno ricevuto valutazioni positive fino ad arrivare all’ultima fase della selezione a Bruxelles, dimostrando così di aver elaborato progetti di alto profilo. Questa azione, che non è stata mai sperimentata all’Università di Parma, ha il duplice obiettivo di premiare le idee di validi docenti e di stimolarne altri a intraprendere la difficile strada dei bandi ERC.

Condividi su...

Proprietà dell'articolo
creato: lunedì 22 ottobre 2018
modificato: lunedì 22 ottobre 2018